Risparmio energetico: scegliere dispositivi e punti luce

Risparmio energetico e punti luce

Il risparmio energetico in casa comincia dalla scelta dei corretti dispositivi elettrici, adatti a contenere i consumi. Insieme alla progettazione dei punti luce, per ottimizzare al meglio il rendimento. In questa guida vedremo come fare. 

Risparmio energetico: i dispositivi adatti

In commercio sono disponibili tanti dispositivi utili alla causa, come ad esempio lampade e lampadine a led. Si tratta di soluzioni oramai diffusissime e che hanno surclassato le lampade tradizionali. Il loro vantaggio principale è appunto quello legato al risparmio energetico: rispetto alle altre tipologie sono più efficienti e garantiscono un risparmio che supera il 90% rispetto a quelle alogene. Sono inoltre resistenti e particolarmente adatte all’uso prolungato: alcuni modelli superano addirittura il decennio.  

Soluzioni smart per il risparmio energetico

Lampadine smart

Una lampadina smart è una lampada LED connessa alla rete che può essere gestita da remoto. La sua diffusione è oramai capillare, si distingue per una perfetta illuminazione e possono intervallare diverse tonalità di colore. Ma soprattutto garantisce un notevole risparmio grazie ad alcune funzionalità specifiche, come l’accendersi e lo spegnersi in base alla posizione dei presenti in casa.

Lampade da tavolo o da terra

Le migliori lampade smart in commercio (sia da terra che da tavolo) sono oramai un accessorio irrinunciabile per chi desidera allestire un’abitazione a prova di domotica. Si tratta di veri e propri oggetti di design che anche in questo caso assicurano risparmio economico ed energetico, insieme ad una illuminazione altamente personalizzata. Con le lampade smart è infatti possibile scegliere tonalità adatte alla lettura, oppure al relax. Molti modelli si collegano allo smartphone e possono essere gestiti anche da remoto.

Controllare l’impianto con gli speakers

Gli smart speaker, o assistenti virtuali, sono i grandi protagonisti della scena domotica in questi ultimi anni. I vari Google Home e Alexa si interfacciano con i dispositivi intelligenti presenti in casa e ne permettono il controllo tramite la voce. Con essi è possibile accendere o spegnere le luci di casa in un solo e veloce comando vocale.

La scelta dei punti luce

In caso di progettazione di una nuova casa o di ristrutturazione, è importante progettare dove posizionare i punti luce in ogni stanza. Armatevi di piantina ed iniziate ad immaginare la collocazione dell’arredo. A seguire, domandatevi quanta luce vi sarà utile nei singoli ambienti, in relazione alle finestre presenti. Nella collocazione dei punti luce valutate tutti i dispositivi presenti in commercio: lampadari, plafoniere, lampade da terra e da tavolo, faretti.

Una luce generica sarà necessaria nelle zone più vissute, ad esempio la sala o il soggiorno. Tendenzialmente un lampadario al centro, con il supporto di plafoniere e applique. Libreria o piccolo ufficio avranno invece bisogno di essere affiancate da luci dirette, come lampade da terra o da tavolo. L’illuminazione nella camera da letto, invece, è tendenzialmente organizzata con un punto luce centrale a luce diffusa, abat-jour sul comodino e plafoniere a riflettere su zone precise. In cucina, oltre alle luci diffuse, sarà opportuno programmare punti sopra il piano lavoro e sopra il tavolo. Nel bagno, invece, si possono alternare faretti e plafoniere.  

Alcuni consigli pratici

Terminata la carrellata di soluzioni tecniche per una casa “green”, veniamo ora al fattore che più incide sui consumi: lo stile di vita e le cattive abitudini. Molti costi superflui sono legati al nostro comportamento. Vediamo dunque alcuni consigli utili per ridurre il nostro impatto sull’ambiente.

  1. Le lampade a led, ovunque. Le soluzioni a risparmio energetico devono essere presenti in tutti i punti luce. Sostituite le alogene ancore presenti. Fate attenzione anche al livello di illuminazione e tenete conto dell’ambiente di destinazione.
  2. Spegnere le luci, sempre. Ricordarsi di spegnere la luce della stanza da cui stiamo uscendo, se non dobbiamo rientrarvi a breve. Se siete particolarmente distratti e dimenticate di frequente le luci accese, valutate l’installazione di lampadine e lampade intelligenti che si accendono e si spengono in base alla presenza umana nella stanza. La loro gestione da remoto vi permetterà inoltre di verificarne il corretto spegnimento anche quando siete fuori casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *